RADIO LIBERTINA: MARY ANNE HOBBS

Corpo umano, Gomito, Oscurità, Artista musicale, Musica pop, Concerto rock, Locale musicale, Illuminazione ad effetti visivi, Fumo, Riflesso lente,

Mary Anne Hobbs sul palco. Foto: Shaun Bloodworth



Ogni movimento in divenire ha bisogno del proprio tizzone infuocato per innescare una crociata; ogni frontiera emergente ha bisogno di un esploratore senza paura che la metta su una mappa. Mary Anne Hobbs —Dj radiofonica britannica, giornalista, curatrice e autodefinitasi 'evangelista del suono futuro'—pilota ai margini di nuovi mondi musicali coraggiosi, sancisce il loro valore e fa qualcosa di incredibile: spinge le persone a prendersi cura di loro.



Per quattordici anni, Hobbs ha trasmesso audaci cartoline dall'edge sulle onde radio della BBC tramite il programma Breezeblock di Radio 1, trasformando la stazione radio più potente del Regno Unito in un paradiso notturno per la musica progressiva, con Hobbs che fungeva da ambasciatore affine di tutto, dal metal estremo all'elettronica deviante . Considerata più di recente come l'alta sacerdotessa del dubstep, ha notoriamente sostenuto il genere dal basso profondo del cuore molto prima che diventasse così universale che persino Britney lo ha provato per le dimensioni. Come il suo eroe, il leggendario broadcaster della BBC John Peel, Hobbs catalizza il dominio dello sperimentalismo musicale in un'esperienza gratificante e inclusiva, ma dimostra anche ai cinici che non hai bisogno di un cromosoma Y o di un'educazione formalista per farlo. Attraverso i suoi speciali radiofonici, gli allestimenti teatrali e le compilation commerciali dubstep, Hobbs ha aiutato non così indirettamente a liberare il pop contemporaneo - e le sue diramazioni ribelle - nell'arena di un temerario.

Questo fine settimana, Hobbs ha inviato soundquakes in tutta la Spagna - una tradizione orgogliosa dal 2007 - mentre attraversava un altro set tonante al Sonar Festival. Sabato 9 luglio, Hobbs porterà la sua agenda culturale in prima serata (qualcos'altro che Peel, e pochi altri, hanno fatto) quando debutterà il suo nuovo spettacolo settimanale di tre ore su XFM, un sogno che è stato realizzato da decenni per Hobbs. Ma non è tutto ciò di cui è entusiasta: possiamo annunciare in esclusiva che curerà il suo primo palco al venerato Tauron Nowa Muzyka Festival a Katowice, in Polonia, sabato 27 agosto. La vetrina presenta Ramadanman, Roska, Lorn, Darkstar, Ras G, Oris Jay, Instra:Mental, Boxcutter e, naturalmente, la stessa Hobbs.



LEI:Hai appena completato un tour negli Stati Uniti di grande successo, incluso un periodo memorabile al Coachella. Com'è stata l'esperienza?
MA:Straordinario. Ero sveglio da 37 ore quando mi sono avvicinato per suonare, un record per me. La mia agente Sara era in agonia. Abbiamo dovuto farle un intervento dentistico d'urgenza a Hollywood. Cominciava a somigliare a Dolph Lungren! C'erano 100 gradi sul palco; era come un altoforno. Lassù stavo quasi delirando, ma l'esperienza è stata assolutamente squisita.

LEI:Immagino che il tuo set sia stato uno dei più avventurosi della giornata.
MA:Ho suonato un mix molto fresco, uno spettro arcobaleno di diversi sapori elettronici. Ho messo alla prova quel pubblico piuttosto duramente, ma sono venuti con me. Ho seguito Lil B. Ha fatto salire Odd Future con lui alla fine del suo set, quindi l'arena era piena di brutte teste hip-hop! Spero di aver portato uno di poche centinaia con me nel lato oscuro. [Ride.]

LEI:Per molti sei il patrono della dubstep. Ricordi la prima volta che l'hai sentito e come ti ha colpito?
MA:Ho varcato la soglia del club DMZ di Londra nel 2005 e ha cambiato la mia vita per sempre. È un'esperienza così primordiale, ascoltare i dubplate riprodotti nel loro ambiente naturale, su un grande, sporco sistema audio in una stanza buia come la pece. O corri urlando entro 10 minuti, o la tua adorazione al santuario. Non ci sono vie di mezzo.



LEI:Oltre ad assicurare il genere a un pubblico molto diffuso attraverso i tuoi spettacoli e le tue compilation, hai anche contribuito a farlo entrare sul grande schermo conCigno nero— insieme a grandi nomi come Chemical Brothers. Come sei stato coinvolto?
MA:[Compositore] Clint Mansell è un genio e un mio carissimo amico. Lo conosco da 25 anni, da quando era il cantante di Pop Will Eat Itself. La sua colonna sonora è una de/ricostruzione dell'originale di TchaikovskyIl lago dei cigni, e voleva mantenere lo stesso tema nelle scene dei club e dei bar, ma trovare musica che funzionasse naturalmente in quell'ambiente. Ho inviato un file zip pieno di molte diverse trame sonore. [Artisti dubstep] Sepalcure, Kavsrave, Jakes e Al Tourettes hanno fatto il taglio. Siamo andati tutti insieme a vedere la premiere alla settimana del cinema di Londra. I loro cuori scoppiano quando la loro musica entra nel film: uno dei giorni più belli di tutta la mia vita professionale!

LEI:Dopo aver trasformato Radio 1 in un parco giochi per la sperimentazione notturna, stai finalmente per iniziare il tuo spettacolo Primetime su XFM. Questo sembra importante.
MA:È la prima serata! Credevo fosse giunto il momento di alzare l'intera piattaforma radiofonica che avevo costruito, per sfidare l'idea superata che un piccolo numero di artisti ricevesse il premio in prima serata sulla base del successo commerciale. Invece, volevo elevare la piattaforma sulla base del significato creativo. XFM ha colto al volo l'occasione per farlo, ed è una tale VITTORIA per tutti nel mio mondo, gli artisti senza paura e ogni ascoltatore a cui importa così profondamente. Lo spettacolo sarà di forma libera, con lo spazio per muoversi, innovare, rispondere in piena libertà. Sono un evangelista professionista: questo è il mio titolo di lavoro! La mia missione, come sempre, sarà quella di aprire nuovi orizzonti.

LEI:Cosa costituisce il 'nuovo terreno', ai tuoi occhi, nel 2011?
MA:Wow, ce ne sono molte. Swamp 81, Night Slugs, Applepips, Deep Medi, PTN, Hemlock, Hessle Audio, Alpha Pup: tutte queste etichette stanno alimentando alcuni giovani artisti eccezionali. Presto, guiderò in profondità nelle piscine rocciose e nelle insenature sconosciute online per trovare alcune nuove perle scintillanti. Faccio tutto da solo, con solo il mio istinto come bussola. Mi piace là fuori, sono libero!



LEI:Quali sono state le tue prime esperienze come appassionato di musica?
MA:Andavo al negozio di giocattoli locale nel piccolo villaggio inglese in cui sono cresciuto, mettevo da parte i miei soldi e ordinavo un singolo da 7'—e quel singolo avrebbe impiegato 9 settimane per arrivare. Ho collezionato singoli dei Sex Pistols, ma mio padre aveva bandito tutta la musica dalla casa. Li avrebbe distrutti quando li avesse trovati! L'unica cosa che non ha mai trovato è stata una minuscola radio a transistor che avevo. Stavo a letto sotto le coperte di notte semplicemente scorrendo il quadrante.

LEI:È così che hai scoperto John Peel, un felice incidente?
MA:Sì, ho trovato John per caso. Non avevo idea dei palinsesti radiofonici da bambino; i media erano così primitivi allora. Pregavo solo per un altro incontro casuale finché non l'ho risolto da solo. John si trovava alle porte di un magico universo alternativo. Era l'unica prova che avevo della sua esistenza. Ha suonato un sacco di concept rock complessi. Poi è arrivato il punk, che ha cambiato totalmente ogni fibra del suo spettacolo da un giorno all'altro. Colpi di tre minuti di puro vetriolo e ferale energia adolescenziale.

LEI:Deve essere sembrata una liberazione.
MA:Arrivare a Londra era l'unica opzione. Un settimanale chiamatoSuoniera il Santo Graal per me da bambino. Ho sempre sognato di scrivere per loro. Mi chiedevo cosa volesse vedere l'editore in un CV; non mi è mai venuto in mente di inviare semplicemente una recensione. Ho pensato di dover dimostrare di aver effettivamente lavorato per una band! E l'ho fatto: ho ottenuto un lavoro con una band londinese chiamata Heretic, e ho vissuto con loro in un parcheggio, per un anno all'età di 18 anni. Ero il loro ingegnere delle luci, il loro costumista e meccanico di autobus! il mio folle CV ha funzionato. Ho ottenuto il mio primo lavoro freelance perSuonialle 19—era una recensione dal vivo di Hanoi Rocks al Lyceum di Londra. Ultra-spazzatura!

LEI:In quei primi giorni, avevi l'ambizione di fare il pioniere della radio, proprio come faceva Peel?
MA:No. La radio era così lontana, come una pallina scintillante sospesa nell'etere. Non avevo idea di come fare alcun tipo di approccio. Non credo che avrei osato. Peel era un'icona per me e tutti gli altri in radio erano uomini e anziani. Era probabile quanto volare sulla luna a quel punto.

LEI:Beh, ovviamente hai superato quella soglia. Il rapporto maschi/femmine nel mondo dell'elettronica è ancora un po' scandaloso. Pensi di contribuire a cambiarlo su larga scala?
MA:Un sacco di ragazze molto brillanti, affascinanti e intelligenti frequentano i miei concerti e ascoltano i miei programmi radiofonici. Ho fatto un corso di perfezionamento per la scuola Dubspot a New York e una ragazza ha viaggiato 7 ore su un autobus Greyhound per essere lì, anche se era malata. Mi ha fatto impazzire. È davvero bello quando le ragazze gravitano intorno a me. Mi piace ascoltarli parlare delle loro ambizioni di diventare un DJ o un produttore. Dico sempre 'non importa di che razza, colore, credo o genere sei, puoi farlo.' Carica i tuoi sogni e non guardare mai indietro!

LEI:Qual è la tua vera e propria filosofia personale?
MA:Peel mi ha insegnato a mantenere la tua posizione, essere sincero e non vendere mai nulla in cui credi.