All'interno della festa annuale del MoMA nel Garden Fête

cindy sherman rachel feinstein marc jacobs Joe Schildhorn su BFAnyc.com

Rachel Feinstein e Cindy Sherman, entrambe in Marc Jacobs. Foto: Joe Schildhorn al BFA New York

Si dice spesso che gli artisti soffrano per le loro creazioni, ma mondanità e festaioli? Non così tanto. Quindi è stato uno shock la scorsa notte quando i festaioli si sono resi conto che l'annuale Party in the Garden del MoMA è arrivato con un avvertimento indotto dal clima: partecipare alla festa all'aperto sponsorizzata da Cartier (e possibilmente intravedere VIP come il sindaco Michael Bloomberg), tu ha dovuto sopportare gli elementi, e la scorsa notte, questo ha significato una grande umidità, il tipo che di solito arriva con un monsone.



'È sicuramente emozionante essere al museo', ha detto la musicista Sara Quin (metà del duo indie-pop Tegan e Sara). 'Ma se potessi tuffarmi in acqua laggiù, lo farei.' Sorrise e indicò la famosa scultura di Aristide Maillol Il fiume, che ha la sua piscina.

'Oh, sta bollendo', ha riso la modella diventata imprenditrice Lauren Remington Platt. 'Sono fortunato che il mio trucco Vênsette non si stia sciogliendo!'

Il lato positivo? È ufficialmente la stagione dei sandali, almeno secondo i frequentatori di feste. 'Finalmente ho tirato fuori queste scarpe Chloé dal mio armadio', ha sorriso il regista Clancy McCarty. 'Sono così comodi che li ho indossati anche in metropolitana.' Anche Rachel Roy e Tamara Mellon hanno sostenuto la tendenza open-toe, così come l'artista Rachel Feinstein, che ha indossato lo stesso abito Marc Jacobs della primavera 2013 di Cindy Sherman. (entrambi sembravanomoltobello.) Ma forse la migliore vestita della serata è stata la collaboratrice di ArtInfo Amanda Chapin, che ha realizzato il suo abito da una vecchia stampa di tessuto ispirata al Lichtenstein. 'E' stato davvero facile', ha riso, 'E tutti continuano a chiedere se è di qualche grande stilista!'

Presto fu il momento per la band Fun. per esibirsi, e folle di fan vestiti da cocktail si sono premuti contro il palco, gridando i testi della loro canzone di successo 'We Are Young' e urlando quando il frontman Nate Ruess ha detto loro: 'Abbiamo solo un'altra canzone, ma speriamo di noi' ci rivediamo al MoMA l'anno prossimo!' La band ha terminato il set con il classico dei Rolling Stones, 'You Can't Always Get What You Want', quindi si è ritirata nel backstage per unirsi ad amici e familiari, inclusa la designer Rachel Antonoff, il cui fratellino, Jack, è il chitarrista dei Fun.

'Non ricordo la prima volta che siamo venuti al MoMA, perché eravamo bambini', ha detto Antonoff. 'Ma iofareRicordo la prima volta che io e Jack andammo al Louvre. Ha visto la Gioconda e ha pianto...» Si voltò verso il fratello. 'Hai appena iniziato a piangere proprio lì davanti al dipinto, vero?' ha schernito. «Sì, è vero», sorrise Jack. 'Mi sono commossa!'

divertimento al moma

Divertimento. sul palco del MoMA. Foto: Joe Schildhorn al BFA New York