L'autore fantasy Robin Hobb parla del dire addio ai personaggi amati e di quei confronti GRRM

IlIl destino dell'assassinoscrittore spiega perché la fantasia è di nuovo così popolare.

Robin Hobb Assassino Trina Jones



DaGame of Thronesè stato presentato per la prima volta nel 2011, il primo scrittore a cui molte persone pensano quando sentono 'fantasy' è George R.R. Martin, quello dei draghi, il gemello e la serie di migliaia di pagine che rimane incompiuta. Ma come sanno i veri fan del fantasy epico, GRRM è tutt'altro che l'unico gioco in città. Se stai cercando una soluzione per i draghi e la magia e hai unquantitàdi tempo libero per leggere, non puoi trovare molto meglio di Robin Hobb, il prolifico autore dell'amatoTrilogia dei Lungavista. Nel 1995, quella serie iniziò la storia di FitzChivalry Farseer, il figlio bastardo di un reale che deve imparare a rendersi utile come assassino per il trono. Hobb ha continuato la storia di Fitz con ilTrilogia dell'uomo fulvo, a partire dal 2001, e ilFitz e il Matto Trilogia, a partire dal 2014.



Il destino dell'assassino , il suo libro più recente, è il capitolo conclusivo diFitz e il Matto, e sebbene Hobb non dirà se ha piani definitivi per più libri in quell'universo, potrebbe sicuramente servire come ultima voce nel racconto di Fitz. Qui, Hobb parla di come si è sentito a dire addio ai personaggi con cui è stata per più di 20 anni, cosa ne pensaVenti d'invernoritardo e come si sente riguardo alla recente rinascita del fantasy come genere.

Intervista a Robin Hobb re

Senza rivelare particolari,Il destino dell'assassinosembra davvero il culmine dei libri degli Antichi. Pensi di aver finito con questo universo?

Molte volte le persone hanno detto: 'Scriverai altro su Fitz, o scriverai ancora su Rain Wilds', e io ho detto: 'Oh, no, ho finito con quella storia'. Così ho imparato a dire che davvero non lo so. Non scriverò un libro in questo mondo semplicemente per dire, ho bisogno di scrivere un altro libro del Regno degli Antichi quest'anno, ma se ottengo una storia davvero avvincente, allora ovviamente andrò avanti con essa.

Ci sono richiami molto specifici in questo libro a frasi che hai scritto più di 20 anni fa. Con quanto anticipo hai pianificato l'arco dell'intera serie?



Penso che ogni scrittore sappia molto di più sui propri personaggi e sulla propria storia rispetto a quanto effettivamente appaia sulla pagina. Conosco un sacco di cose che sono successe prima della nascita di Fitz. So perché Patience e Burrich sono stati una storia d'amore fallita, e perché lei e Chivalry si sono messi insieme - tutte queste cose che non sono arrivate sulla pagina. Anche quando ho finito [1997La ricerca dell'assassino], sapevo che molte cose sarebbero successe a Fitz in futuro, ma non mi sarei mai aspettato di avere l'opportunità di scrivere così tanto della sua vita. Ho pensato, 'Oh, farò una trilogia' e poi conuomo fulvo, 'Posso fare questa storia su Fitz', ma non mi sarei mai aspettato di poterla scrivere fino in fondo attraverso quello che avevo visto venire dal momento in cui ho [finito la prima trilogia].

Diversi personaggi principali non riescono a superare la fine di questa trilogia. Come ti sei sentito a dire addio a questi personaggi con cui sei stato così a lungo?

Semplicemente orribile. Cerco di non fare spoiler in un'intervista, ma dirò che ogni volta che un personaggio in uno dei libri è morto, è stato molto duro per me. Spesso le persone diranno: 'Hai ucciso questo dei tali, e come hai potuto farlo?' La mia risposta è: 'Ero presente quando quel personaggio è morto e ne ho scritto'. Non dico deliberatamente: 'Nel capitolo sette ucciderò il tal dei tali solo così avremo un grande momento emozionante per il lettore'. Mi sembra un burattino, in cui estorco deliberatamente una risposta emotiva dal lettore piuttosto che dire: 'Questi eventi accadranno perché sono inevitabili'. Non so se hai mai visto le scene iniziali diRomancendo la pietra. Farò un piccolo spoiler per questo. Parla di una scrittrice di romanzi rosa che sta concludendo il libro e sta piangendo nella sua macchina da scrivere. Gli scrittori lo fanno davvero. Piangiamo sui nostri personaggi. A volte ci rattristiamo per giorni quando diciamo addio a un mondo o a un personaggio. Diventano i nostri migliori amici, come ho messo nella dedica aIl destino dell'assassino. Probabilmente ho passato più tempo con loro negli ultimi 22, 24 anni di quanto non ne abbia trascorso con la maggior parte dei veri membri della mia famiglia.

Qual è stata la reazione dei fan ad Assassin's Fate finora?

È stato su tutta la linea. La gente diceva: 'Il finale è stato perfetto, l'ho adorato, ma mi ha fatto piangere, quindi sono arrabbiato con te'. Penso che sia difficile per i lettori dire addio o guardare i personaggi attraversare una parte diversa della loro vita quanto lo è per lo scrittore scriverli. Ho ricevuto risposte molto simili alla fine diLa ricerca dell'assassino, dove Fitz non è riconosciuto per quello che ha passato. Molti lettori si sono sentiti indignati; stavano pensando che ci sarebbe stata una ricompensa per tutto ciò che aveva fatto e non c'era. Ci sono alcuni lettori che lo vogliono e vissero tutti felici e contenti. Raramente ci arrivo con i miei libri, perché nella vita reale le cose non finiscono tutte nello stesso bel posto. Per mantenere la storia reale, deve esserci una sorta di margine frastagliato alla fine di un romanzo.

Quali sono alcuni dei tuoi personaggi minori preferiti della serie?



Ad essere onesti, non penso a nessuno dei miei personaggi come personaggi minori: sono tutti i personaggi principali di una storia che non necessariamente posso raccontare. Amo Patience e Lacey. Mi piace Hands, lo stalliere amico di Fitz quando crescono. Mi piace Laurel la cacciatrice delTrilogia dell'uomo fulvo. Quando scrivi, devi amare tutti i tuoi personaggi. Se stai scrivendo qualcosa dal punto di vista di un personaggio minore, devi davvero fermarti e dire che lo scopo di questo personaggio non è essere l'aiutante di qualcuno o entrare e mettere il cavallo nella stalla. Lo scopo di questo personaggio è avere una piccola finestra sulla vita di quel personaggio e sulla sua giornata. Devi scriverli come se non fossero un personaggio secondario, perché hanno le loro cose in corso. Ho preparato troppe storie e visto troppi film in cui il compagno esiste per prendere la freccia per l'eroe, o in molti casi tristi, la moglie o la fidanzata sono lì per essere violentate o rapite o uccise semplicemente per dare al personaggio principale una motivazione. Non mi piacciono quelle storie.

George R.R. Martin ha un ragazzo in Svezia che lo aiuta a ricordare i dettagli quando ha difficoltà a ricordare i dettagli sulCanzone del ghiaccio e del fuocouniverso. Come tieni traccia di tutti i vari personaggi e luoghi nei tuoi libri?

Devo ammettere che una o due volte, o forse cinque o sei, o forse 10 o 20, sono andato su un sito web chiamato Theplenty.net dove hanno un Wiki dei personaggi e degli eventi. È stato molto utile per me tornare indietro e controllare 'questo personaggio è mancino' o 'ha i capelli rossi'. E anche se leggo principalmente su carta, scarico copie elettroniche dei libri semplicemente perché posso fare una ricerca per un nome o il nome di un luogo. La terza cosa che faccio è, e questa è stata una lezione dolorosa imparata a mie spese, quando scrivo, ogni volta che uso un nome proprio, mi fermo immediatamente e apro quello che diventerà il mio glossario per quel libro, ed entro nel nome proprio in ordine alfabetico. Prenderò una piccola nota, 'Questa è la scena in cui stanno attraversando il fiume', e poi farò un taglia e incolla della descrizione, quindi se i personaggi hanno bisogno di tornare a quel fiume, è ancora lo stesso tipo di fiume.

Il tuo nome compare spesso nella stessa frase di Martin, forse perché scrive anche libri molto lunghi con dentro dei draghi. Come ti senti a riguardo?

Sto perfettamente bene con quello. La comunità di scrittori di fantascienza e fantasy... le nostre amicizie attraversano molti confini. E sono perfettamente disposto ad aspettare per quanto tempo impiegherà George a finire [i venti dell'inverno] il modo in cui vuole raccontare la storia. So cosa ci sta mettendo e quanto impegno è. Amo i suoi libri. Penso che lo stiamo assistendo a creare il suo capolavoro, tra tutte le cose meravigliose che ha scritto nel corso degli anni.

Come collega scrittore, ti senti sulla difensiva nei suoi confronti quando la gente lo critica per non aver ancora finito il sesto libro?



Provo grande simpatia per lui. Ci sono solo alcuni giorni in cui starò seduto lì a scrivere una scena, e ho davvero bisogno che uno dei personaggi si alzi e vada a guardare fuori dalla finestra e dica: 'Oh, guarda la cavalleria sta arrivando, saremo circondati in un attimo.' E si siederanno lì e berranno il loro tè, e parleranno del tempo, e si allacceranno le scarpe, ma cercando di motivare il personaggio ad alzarsi e attraversare la stanza e guardare fuori dalla finestra - anche una scena semplice come quella può essere così difficile da scrivere. E sta lavorando con un cast così immenso. Non tenterei mai di accompagnare così tanti personaggi attraverso un mondo così complesso e un sistema politico così complesso. Non so davvero come faccia. So solo che mi piace guardarlo mentre lo fa.

Saresti interessato a un film oa un programma televisivo di Lungavista a questo punto?

Ho sentimenti così contrastanti a riguardo. Dovrei prendere una delle due tattiche. Il primo sarebbe dire: 'Ho firmato i contratti, e ora me ne vado, e farai un film che parla della tua esperienza di aver letto il mio lavoro'. Oppure dovrei dire: 'Ho firmato il contratto e ora lavorerò a stretto contatto con te finché non sarà finito'. È davvero difficile immaginare di essere nella posizione centrale. Penso che probabilmente finirei per stare senza mani e andarmene.

Il fantasy è diventato molto più mainstream negli ultimi dieci anni o giù di lì. Perché pensi che sia così?

I film ci hanno aiutato a entrare in un regno in cui le persone sono più a loro agio nell'ammettere: 'Sì, adoro quelle storie e le leggo da quando ero bambino'. Molte persone lo hanno letto e si sono divertiti da sempre, ma ora è più accettabile leggere un grande libro di George R.R. Martin sul treno o portarlo in cima alla pila di libri di scuola. È stato affascinante per me. Quando torniamo al fantasy, penso che in realtà stiamo tornando al vero fondamento della narrazione. Il nostro genere nazionale o internazionale è davvero il fantasy, se si pensa ai miti, alle leggende e alle storie mondiali che tutti conosciamo, che si tratti di Cappuccetto Rosso o delle Mille e una notte o dell'Arca di Noè o di Ercole. Queste sono storie che attraversano molte culture più o meno allo stesso modo in cui i draghi attraversano molte culture.

Segui Eliza su Twitter .