Chris Brown parla della notte in cui ha aggredito Rihanna

L'attacco nel 2009 ha lasciato Rihanna 'sputare sangue'



Getty Images

Chris ha consegnato a Rihanna il suo telefono per dimostrare che non c'erano messaggi sospetti della donna senza nome, ma Rihanna ha trovato un suo messaggio non letto che diceva che sarebbe stata alla festa.



Chris ha detto nel documentario: 'Comincia a suonare, lancia il telefono,' Ti odio! ', Qualunque cosa, qualunque cosa, inizia a colpirmi, siamo in una piccola Lamborghini, sai che mi sta combattendo.

Questo contenuto viene importato da YouTube. Potresti riuscire a trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

'Come ricordo che ha cercato di prendermi a calci, proprio come picchiava, ma poi l'ho picchiata davvero. Con un pugno chiuso, come se le avessi dato un pugno, e le si è rotto il labbro, e quando l'ho visto ero scioccato, ho pensato, 'Cazzo, perché l'ho picchiata in quel modo?'



'Quindi da lì lei ... mi sputa sangue in faccia, mi ha sollevato ancora di più. È una vera lotta in macchina e noi guidiamo per strada.

'Io sono tipo, 'Ehi, stiamo inciampando, che cazzo, cosa stiamo facendo?' Ha cercato di afferrare il mio telefono, e io non le sto dando il mio telefono, per buttarlo dalla finestra.'

Getty Images

Ha aggiunto che in realtà sono state entrambe le parti a essere violente durante la loro relazione, ma ovviamente l'entità delle lesioni è stata sopportata da Rihanna.



“Amo ancora Rihanna, ma sarò onesto - ci litigavamo, lei mi picchiava, io la picchiavo, ma non andava mai bene. È sempre stato un punto in cui ne parliamo tipo, 'Che cazzo stiamo facendo?' '

Ha aggiunto: “Cazzo, non cercherò mai di mettere le mani su nessuna donna.

'Mi sentivo un fottuto mostro.'



Cosmopolitan UKha contattato l'ente benefico per gli abusi domestici Refuge per un commento.

Sandra Horley CBE, amministratore delegato di Refuge, ha dichiarato: “Qualunque cosa vada storta in una relazione, nessun uomo ha il diritto di picchiare il proprio partner. Tutti diciamo e facciamo cose di cui in seguito ci pentiamo, ma la violenza domestica non 'prende due'. Nessuna donna può costringere un uomo a picchiarla; la violenza è una scelta che fa e lui solo ne è responsabile. Incolpare la vittima è un altro modo in cui i perpetratori mantengono il controllo sulle loro vittime - sposta la responsabilità sulla donna. Manipolarla facendola credere di essere responsabile è uno stratagemma che gli aggressori usano per deviare dal loro comportamento violento e di controllo. Colpire una donna non è mai un comportamento accettabile, è contro la legge '.

Se pensi di essere vittima di violenza domestica, non sei solo. Visita www.refuge.org.uk per supporto e informazioni.

Segui Anna su Twitter.